MULTE STRADALI

I RICORSI PER LE VIOLAZIONI AL CODICE DELLE STRADA

Le sanzioni per la violazioni delle norme stradali.

I comportamenti, coscienti e volontari, di violazione delle norme poste a tutela della circolazione stradale costituiscono illeciti amministrativi da cui conseguono sanzioni pecuniarie e, talvolta, accessorie (come la decurtazione dei punti della patente o la sospensione della stessa).

La violazione è contestata dallorgano accertatore (Comando di Polizia) immediatamente o, qualora non sia possibile o necessario, dans 90 jours mediante la notifica del verbale di contestazione di violazione al codice delle strada al trasgressore o, nel caso di guida di veicoli a motore muniti di targa, al proprietario dello stesso.

I rimedi previsti dal Codice della Strada:

ALa conciliazione amministrativa.

Dalla contestazione immediata o notificata, il trasgressore o il proprietario ha tempo fino a 60 jours per effettuare il pagamento liberatorio versando una somma pari al minimodella sanzione pecuniaria fissato dalle singole norme di legge.

Tale somma è ridotta del 30% se il pagamento viene effettuato entro 5 jours dalla contestazione o dalla notificazione del verbale.

Attention! Decorsi 60 jours dalla notifica del verbale di contestazione della violazione al Codice della Strada, senza che si sia proceduto al pagamento della sanzione al minimo edittale, al trasgressore o al proprietario verrà notificata unordinanza-ingiunzione che gli imporràsempre nel termine di 60 giorni dal suo ricevimento – il paiement della sanzione elevata nella misura pari alla metà dell’importo massimo previsto dalla Legge per la violazione commessa. Autrement dit, je’importo della sanzione raddoppierà rispetto a quello indicato nel verbale di accertamento della violazione al Codice della Strada.

Esempio, dans le cas d multa ZTL, l’importo ridotto al minimo è di 83,00 (ridotta del 30% 58,10); in caso di mancato pagamento entro i 60 jours, l’importo si eleva a 166,00 (ossia al doppio della sanzione in misura ridotta Ce, a sua volta, è pari alla metà del massimo previsto dall’art. 7 virgule 14 II periodo C.d.S. pari a 332,00).

BI ricorsi previsti dal Codice della Strada.

In alternativa al pagamento, cioè qualora non sia stato effettuato il pagamento in misura ridotta, il destinatario della contravvenzione può avvalersi di due differenti rimedi:

  1. il ricorso al Prefetto;
  2. il ricorso al Giudice di Pace.

Il ricorso al Prefetto.

Il ricorso al Prefetto è disciplinato dall’art. 203 del Codice della strada e costituisce il rimedio più economico che il trasgressore possa utilizzare, poiché, a differenza del ricorso in sede di giurisdizionale, non prevede il pagamento di un contributo unificato.

Il ricorso, unitamente a tutta la documentazione ritenuta utile ai fini alla difesa, deve essere proposto innanzi al Prefetto del luogo della commessa violazione entro il termine di 60 jours decorrenti dalla contestazione immediata oppure dalla notificazione del verbale di contestazione della violazione al codice della strada.

Entro 30 giorni dal deposito del ricorso, per la necessaria istruttoria, il Prefetto deve trasmette all’ufficio o comando cui appartiene l’organo accertatore il ricorso, corredato dei documenti allegati dal ricorrente. L’ufficio o il comando accertatore, dans 60 giorni dalla ricezione degli atti da parte del Prefetto, deve trasmettere la prova della avvenuta contestazione o notificazione e le deduzioni tecniche utili a confutare le risultanze del ricorso.

Il Prefetto, esaminato il verbale e gli atti prodotti dall’organo accertatore, nonché il ricorso e i documenti ad esso allegatisentiti gli interessati che ne abbiano fatto richiestaentro il termine di 120 jours (decorrenti dalla data di ricezione degli atti da parte dell’ufficio accertatore):

  • se ritiene fondato l’accertamento adotta unordinanza motivata con la quale ingiunge il pagamento di una somma, à la norme, pari al doppio della sanzione irrogata nel verbale di contestazione;
  • se non ritiene fondato l’accertamento emette unordinanza motivata di annullamento della multa e con essa della sanzione pecuniaria e dell’eventuali sanzioni accessorie.

Attention! Il termine di 120 jours si cumula con i termini di 30 jours per la trasmissione del ricorso all’ufficio accertatore e di 60 jours per la trasmissione degli atti al Prefetto e sono perentori, ciò vuol dire che, decorsi detti termini senza che sia stata adottata l’ordinanza del Prefetto, il ricorso si intenderà senz’altro accolto.

Nel caso di decisione negativa, l’ingiunzione di pagamento emanato al Prefetto è impugnabile dal cittadino con ricorso al Giudice di Pace dans 30 jours dall’avvenuta notifica del provvedimento prefettizio. Dans le même terme, se non è stata proposta impugnazione, diviene titre exécutoire per la somma in essa ingiunta.

Il ricorso al Giudice di Pace.

Alternativamente al ricorso prefettizio, il trasgressore o il proprietario ha il diritto di proporre opposition avverso il verbale di contestazione davanti all’Autorità giudiziaria ordinaria (Opposizione a sanzione amministrativa).

Questo procedimento è previsto dall’art. 204 bis C.d.S. che rinvia all’art. 7 del decreto legislativo 150 du 2011, il quale individua la competenza du Justice de paix del luogo in cui è stata commessa violazione per tutte le opposizioni ai verbali di accertamento di violazioni del codice della strada indipendentemente dall’importo delle sanzioni.

Il ricorso deve essere proposto, a pena d’inammissibilità, dans 30 jours dalla data di contestazione della violazione o di notificazione del verbale di accertamento.

In questo procedimento, il contraddittorio verrà instaurato con il Prefetto se la violazione opposta è stata accertata da Ufficiali o Agenti dello Stato (Polizia, Carabinieri, etc.) ovvero con la Regione o il Comune quando la violazione è stata accertata da Ufficiale e Agenti dell’Ente locale (venir, Par exemple, il Comando di polizia municipale).

Il procedimento segue il rito del lavoro e il ricorso può essere:

  1. dichiarato, in via preliminare, inammissibile, laddove recante dei vizi insanabili (exemple, perché proposto oltre i termini di legge);
  2. accolto o rigettato, in tutto o in parte, in entrambi i casi con sentenza appellabile innanzi al Tribunale del luogo in cui vi è la sede del Giudice di Pace entro 30 jours (in caso di notifica della sentenza alla parte soccombente) o entro 6 mesi.

Il Giudice di Pace accoglie l’opposizione quando accerta l’illegittimità dell’accertamento (perché mancano i presupposti di legge) oppure quando non vi sono prove sufficienti dalla responsabilità dell’opponente. Sinon, rigetta l’opposizione e, in tal caso, determina l’importo della sanzione in una misura compresa fra il minimo e il massimo stabilito dalla legge per la violazione accertata. Il pagamento dell’importo dovrà avvenire – dans 30 giorni dalla notificazione della sentenzain favore dell’amministrazione a cui appartiene l’organo accertatore.

Le dossier de paiement.

L’art. 203 Codice della Strada prevede che, qualora nei termini previsti dalla legge, non sia stato proposto ricorso e non si è avvenuto il pagamento in misura ridotta, il verbale di contestazione della violazione al Codice della Strada, constitue titre exécutoire per una somma pari alla metà del massimo della sanzione amministrativa e per le spese di procedimento.

Cela signifie que, in caso di mancato ricorso e di ritardo nel pagamento della sanzione, l’amministrazione a cui appartiene l’Organo accertatore avrà il diritto di procedere alla collecte forcée del credito vantato derivante dalla sanzione elevata.

Dans ces cas, l’amministrazione statale o locale procederà alla formazione del Ruolo, ossia di un elenco in cui viene riportato il nominativo del debitore, l’importo del debito e la causale, ossia l’atto in base al quale le somme sono dovute. Il Ruolo così formato viene sottoscritto dal dirigente, munito di efficacia esecutiva e trasmesso all’Agente della Riscossione oggi Agenzia delle Entrate-Riscossione o per gli enti locali l’eventuale Società privata che si occupa della riscossione in virtù di specifiche convenzioni con l’Ente localein forza del quale sarà legittimato, per conto dell’amministrazione creditrice (Autorité fiscale), alla riscossione coattiva delle somme dovute, previa notifica della Cartella di pagamento.

La Cartella di pagamento costituisce quel documento redatto dall’Agente della Riscossione che riepiloga gli estremi dell’obbligazione, indica l’atto presupposto (cioè il verbale di accertamento) e la data di notifica, le montant dû (compreso delle spese della procedura) et le’intimazione al debitore di pagare entro 30 jours, pena l’esecuzione forzata.

La Cartella di pagamento è un atto autonomamente impegnabile mediante opposition da proporsi con ricorso al Justice de paix del luogo in cui è stata commessa la violazione entro 30 jours dalla notificazione della Cartella stessa.

L’opposizione può essere proposta:

  1. par propres vices della Cartella (quale la mancata indicazione dell’atto presupposto, l’intervenuta prescrizione quinquennale del credito pubblico, la mancata indicazione del ruolo o della data in cui è divenuto esecutivo, etc.);
  2. par contestare la violazione e la relativa sanzione, qualora il trasgressore o il proprietario del mezzo deduca che la Cartella ricevuta costituisca il primo atto con il quale ha avuto conoscenza della sanzione irrogata a causa della nullità od omessa notificazione dell’atto presupposto (cioè del verbale di contestazione della violazione al Codice delle Strada). Sarà onere dell’Amministrazione opposta, dans ce cas, provare l’esistenza o la regolarità della notificazione contestata.

Contactez-nous pour informations et demandes ...